Comunicato Stampa n°9/2017

Prove del 10° Trofeo Storico Lodovico Scarfiotti, quarto appuntamento dell’italiano salita autostoriche. Il migliore è risultato Antonio Angiolani, non tutti hanno provato il percorso.

Nel pomeriggio si sono effettuate le due salite di prove ufficiali del Trofeo Scarfiotti riservato alle autostoriche. Dopo la notte piovosa, anche il programma delle prove è stato disturbato dal maltempo, che a tratti ha reso scivoloso il lungo impegnativo percorso di 8877 metri da località Sant’Eusebio fino a Fonte Lardina, a circa 1300 metri di quota. L’evento maceratese, valido per l’italiano non ha visto salire sul percorso tutti i protagonisti: Lottini, Nocentini, Zucchi, Fumi, Bologna, Nocentini, sono alcuni dei piloti che hanno preferito non rischiare sul tracciato insidioso. Un vero peccato in un weekend caratterizzato dalla massiccia partecipazione di 217 piloti verificati nell’unico evento in Italia di doppia titolazione tricolore per i campionati della montagna. Una bella risposta del mondo motoristico per la chiamata dello staff organizzatore dell’Automobile Club Macerata e dell’Associazione Sportiva AC Macerata, che ha lavorato intensamente per assicurare continuità all’evento sportivo e vitalità ad un territorio fortemente colpito negli ultimi mesi.

Le prove delle storiche non danno un effettivo riscontro delle forze in campo che domani si sfideranno sui tornanti dei Sibillini. C’è stato un dominatore assoluto, l’osimano Antonio Angiolani, campione italiano in carica del raggruppamento monoposto, che ha segnato un ottimo 5’26”90 nella sola prima salita effettuata. Gli altri che hanno ottenuto un ottimo crono hanno potuto migliorare nella successiva salita, a cominciare dal viterbese Massimo Vezzosi salito sulla sua Bmw-Schnitzer in 5’49”20. Poi a seguire il reatino Massimo Campogiani con la Golf, il teramano Gianluca Paloschi su Peugeot 205 e il teatino Antonio Di Fazio con la sport NSU-Brixner. Notevole il crono di Dino Carusone, arrivato dalla Svizzera con la sua Fiat Giannini 650NP: è salito con il tempo di 6’12”56. Interessante una nuova monoposto appena restaurata, una Bellasi F.3 portata per la prima volta in gara dal maceratese Roberto Pierucci.

Domani la gara si disputerà in salita unica con partenza alle ore 9,30. Il percorso verrà chiuso un’ora prima e per facilitare l’afflusso del pubblico l’Amministrazione Comunale mette a disposizione un servizio bus navetta continuato con partenza in zona centro congressi per arrivare nei pressi della partenza.

Classifica delle prove ufficiali:

1° Angiolani (March 783-Toyota) in 5’26”90;
2° Vezzosi (Bmw 2002 Schnitzer) 5’49”20;
3° Campogiani (Volkswagen Golf GTI) 5’50”08;
4° Paloschi (Peugeot 205 Rally) 5’52”52;
5° Di Fazio (NSU-Brixner) 5’53”06;
6° Ceteroni G. (Peugeot 205 GTI) 6’01”83;
7° Vitali (Volkswagen Golf GTI) 6’07”07;
8° Patamia (Porsche 911SC) 6’11”48;
9° Giacché (Fiat 131 Abarth) 6’11”49;
10° Adragna (Porsche 911RS) 6’11”87.

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous reading
Sarnano-Sassotetto 2017 Highlights
Next reading
Sarnano-Sassotetto di CIVM, prove disturbate dalla pioggia